fbpx

No Cost auto non paga: le azioni legali. Commenti e opinioni in rete

No cost auto non paga: le azioni legali. Commenti e opinioni negative in rete

No Cost auto non paga? Quali azioni legali adottare? Cosa sta succedendo all’azienda leader nel settore del carvertising e come difendersi da questo raggiro? Quanto c’è di vero dietro questa nuova pratica di auto con pubblicità apponendo adesivi pubblicitari sulla carrozzeria? Noi di Telatrovoio vi diamo qualche informazione su cosa sta accadendo a chi ha stipulato un contratto NO Cost auto e da diversi mesi non vede nessun rimborso economico mensile.

VUOI TOGLIERE GLI ADESIVI DELLA NO COST DALLA TUA AUTO? ECCO IL METODO DA SEGUIRE

No Cost auto non paga

No Cost auto non paga

Avere un’auto gratis è il sogno di tutti noi e sembrava possibile realizzarlo con No Cost auto. Sembrava essere l’ultima frontiera del marketing, avere una macchina nuova senza alcun costo ma anzi guadagnandoci grazie all’auto con pubblicità (in gergo tecnico si parla di ‘Carvertising’).

No Cost Auto è uno dei principali operatori sul mercato italiano che consentivano di usufruire del servizio e di avere un’auto con pubblicità con il solo vincolo di usare la carrozzeria della vettura come pannello pubblicitario. Sono diversi mesi, però, che il sistema di rimborsi mensili previsti dalla No Cost in cambio di pubblicità sull’auto e attraverso i social non funziona più. Ci sono tantissimi driver arrabbiati con la No Cost che richiedono spiegazioni e vogliono capire perchè No Cost Auto non paga più.

purtroppo non ricevo più i rimborsi da Agosto, e non sono più stato contattato malgrado abbia provato in tutti i modi,…

Pubblicato da Antonio Guglielmi su Venerdì 1 marzo 2019

Vergogna totale. Non pagano da agosto, non rispondono e si comportano in modo arrogante. 4000 famiglie rovinate

Pubblicato da Angela Loconsole su Lunedì 1 aprile 2019

non pagano da diversi mesi

Pubblicato da Andrea Pascariello su Venerdì 8 marzo 2019

No Cost Auto non Paga: le azioni legali. Come difendersi da raggiro

No Cost auto non paga? Altroconsumo, aveva già messo in guardia gli automobilisti dicendo di analizzare bene tutte le condizioni contrattuali prima di concludere l’accordo per evitare quelle ‘sorprese’ spiacevoli che poi sono avvenute successivamente. Chi ha in possesso un auto No Cost sa benissimo che la società si è sempre basata su un sistema Ponzi visto che tutte le macchine No Cost che girano non sono mai state brandizzate da nessuno sponsor o meglio l’unico banner pubblicitario sulla carrozzeria di tutte le auto era del marchio della concessionaria che le vende.

Ora il sistema piramidale No Cost dove per poter attivare il contratto dovevi versare una quota di iscrizione (da 6mila euro in su) è fallito e si sta sgretolando. Ma come difendersi dal raggiro? E come fare per riavere almeno quei soldi pagati alla No Cost per l’apertura del contratto?

Ci sono diverse associazioni che in merito alla vicenda NO – COST auto non paga stanno attuando diverse class action per tutelare i driver che si trovano in difficoltà economiche visto che non ricevono più rimborsi da agosto/settembre 2018 e debbono pagare comunque la rata per l’acquisto dell’auto. L’associazione europea consumatori indipendenti sta lavorando proprio in questa direzione per assicurare i giusti risarcimenti ai consumatori che hanno sottoscritto contratti Vantage Group (vedi qui https://www.euroconsumatori.eu/articolo/1310-vantage-group-cost-corresponsabili-risarcimento-concessionarie-finanziarie)

Anche A.E.C.I. (associazione europea consumatori di Lecce) sulla base delle evidenze raccolte ha, da sempre, sostenuto dubbi sulla capacità economica, di un sistema del genere di perdurare nel tempo sta raccogliendo adesioni per attivare una class action (vedi qui https://www.aecilecce.it/no-cost-di-vantage-group-primi-problemi-per-i-pagamenti/)

No Cost Auto non Paga: attenzione alle multe

Oltre al fatto che la No Cost auto non paga fate attenzione alle multe della polizia stradale.  In Italia, infatti, il codice della strada (articolo 57 comma 23) prevede che non sia possibile, se non per servizi pubblici come Taxi e Bus, portare sulla propria vettura pubblicità conto terzi e la multa è di 422€. La No Cost sembrava aver risolto il problema dando ad ogni driver una lettera d’incarico che dovevano esibire agli agenti in caso di fermo ma stando alle numerose segnalazioni di multe e al fallimento dell’azienda è evidente che occorre subito togliere dalla propria auto gli adesivi.

Volete segnalare la vostra situazione con No Cost ed evidenziare le falle di questo sistema pubblicitario? Scriveteli nei commenti e cercheremo di dare voce alla vostra situazione

Leggi anche:
– Roma quando gioca? Tutte le partite del campionato del 2019
– Saldi invernali a Roma: ecco quando FINISCONO

– Blocco della circolazione a Roma, le strade percorribili
– Roma, sale per feste dove organizzare i compleanni dei vostri bambini



loading...

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. fabio ha detto:

    no-cost no pacga i rimborsi

    buon giorno come tanti ho avuto la sventura di imbattermi con la no-cost per dar retta a mia moglie.. cmunque ora mi ritrovo senza rimborso da agosto e non potendo quindi far fronte alle rate emesse per il pagamento della finanziaria dove ho acquistato l’auto, sono stao raggiunto da un’ingiunzione di pagamento dal tribunale di competenza per aver smesso di pagare il finanziamento ottenuto. Non posso fare opposizione perchè non ci sono elementi giuridici sufficenti per farlo. mi aspetto da un momento all’altro un ritiro del quinto dello stipendio come risercimento da parte della finanziaria attraverso l’azienda per cui lavoro. Non ce la faccio che devo fareeeeeeee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *