fbpx

Raccogliere le castagne nel Lazio: dove andare vicino Roma

raccogliere le castagne nel lazio

Raccogliere le castagne nel Lazio: dove andare

Ottobre è il mese perfetto per una fuga dalla città ed organizzare scampagnate tra i secolari castagneti, stando al contatto con la natura, lontano dal solito quotidiano tran tran.  Il clima è ancora mite e i boschi si tingono di mille colori autunnali.
Ma dove raccogliere le castagne nel Lazio?

Zona di castagneti rigogliosi si trova a Nord di Roma, ovvero a Manziana (tra Canale Monterano e Bracciano), piccolo borgo circondato da boschi bellissimi e maestosi, che anticamente ricoprivano i Monti Sabatini e della Tolfa. Attualmente i boschi ricoprono una superficie di circa 600 ettari e ospitano castagni, querce, aceri selvatici, nespoli, carpini, betulle, felci e piante tipiche del sottobosco.

Altra meta ideale è la Selva di Cori, considerata tra i boschi più suggestivi del Lazio. Si trova sui Monti Lepini e dal bellissimo borgo di Cori che fonde antichità e Medioevo si può facilmente raggiungere in macchina il bosco omonimo, seguendo la direzione per Fontana del Prato. In questo periodo la Selva di Cori riserva una bellissima sorpresa per grandi e piccini: la possibilità di raccogliere le castagne che cospargono letteralmente i sentieri e le radure.

Spostandoci in provincia di Viterbo, troviamo i castagneti di Vallerano,  che hanno una tradizione secolare, così come le grotte di tufo in cui da sempre si conservano le castagne per l’essiccazione. La castagna di Vallerano è ideale per il consumo immediato, arrostita, bollita o come ingrediente per primi e secondi piatti; per informazioni sulla raccolta delle castagne potete contattare l’Associazione Amici della Castagna di Vallerano.

Ideali per la raccolta delle castagne sono anche i Monti Cimini. Lungo la strada ci si può tranquillamente fermare e raccogliere le castagne cadute fuori dalla recinzione dei castagneti.

In particolare a Soriano nel Cimino  ogni anno (tra il primo e il secondo week-end di ottobre) tradizionalmente si tiene la festa che rende omaggio alla castagna dei Cimini. Nel 2020 purtroppo – dopo ben 52 anni – la sagra non avrà luogo a causa del Covid-19. Le radici della manifestazione sono lontanissime risalendo alla fine del XV secolo quando fu istituita una festa per ricordare alcuni tragici fatti avvenuti a Soriano il 7 novembre del 1489 (tentativo di conquista del Castello di Soriano da parte del signore di Vignanello Pier Paolo Nardini e sanguinosa battaglia del Fosso del Buon Incontro, dove i sorianesi sconfissero gli invasori).

CASTAGNE A CANEPINA

Altra meta per la raccolta delle castagne vicino Roma è Canepina,  sempre in provincia di Viterbo.  Il nome del paese si riferisce all’attività svolta in loco nel periodo medioevale, ossia la coltivazione della canapa.
Anche qui il castagno e i suoi frutti oltre a essere l’immagine e il simbolo del paese, rappresentano il fulcro dell’economia Canepinese. Appartenente alla qualità del “Marrone fiorentino” il Marrone dei Monti Cimini ha trovato in questa zona il suo habitat più idoneo per cui è considerato dagli esperti uno dei migliori d’Italia.

Come raccogliere le castagne?

– E’ sconsigliata la pratica di scuotere i rami con un bastone: perché invasiva nei confronti della pianta e perché rischia di far cadere castagne ancora acerbe.

– La caduta delle castagne da una pianta dura circa 30 giorni, quindi l’ideale sarebbe ritornare in uno stesso luogo ogni 3 giorni per godere sempre dei nuovi frutti.

– Per raccogliere le castagne, nel caso in cui fossero ancora all’interno del riccio, si consiglia di aprire il guscio esercitando una leggera pressione con il piede e facendo uscire il frutto aiutandosi con un piccolo bastoncino di legno. Importante è utilizzare dei guanti spessi da lavoro per evitare di pungersi.

– Raccogliere le castagne in un cestino di vimini o in un sacco di juta. Meglio evitare sacchetti di plastica che non garantiscono una corretta traspirazione.

LEGGI ANCHE>>Weekend Roma: CHIUSI Centri Commerciali, maxi store e mercati. Ecco quali

Raccogliere le castagne è un reato?

ATTENZIONE: prima di andare alla ricerca di castagne, è bene informarsi se lo si può fare e contattare le organizzazioni turistiche locali per sapere quando, come e dove è possibile andare a raccoglierne nei boschi. In generale sappiate che – se non specificato diversamente – raccogliere le castagne nei boschi è un reato: “tutti i frutti caduti sul terreno appartengono al proprietario del fondo e pertanto la loro raccolta si può prefigurare come un ‘furto’”, scrivono dal Touring Club.

Fare sempre attenzione alle norme locali che regolano la quantità massima di castagne che possono essere raccolte da ogni persona (in molti casi 2 kg al giorno) e verificare che il bosco sia pubblico e non privato.

LEGGI ANCHE:  AGGIORNAMENTO Domenica Ecologica 15 novembre: fascia verde >>

Dove è consentito raccogliere le castagne e non sentirsi fuori legge?

Certamente è consentito raccogliere le castagne nei boschi dove il proprietario dà il permesso di raccolta oppure lungo le strade. I frutti che cadono sul suolo pubblico possono essere raccolti. Per cui passeggiate lungo le strade che costeggiano i boschi di castagni: qui potrete raccoglierle tranquillamente e se si è fortunati riempirete bei sacchetti.

Raccogliere le castagne, cosa fare una volta raccolte?

Per verificare che la castagne non abbiano vermi o siano cattive, mettete le castagne raccolte in una bacinella acqua: quelle buone rimarranno sul fondo, mentre quelle danneggiate saliranno in superficie a causa dell’aria penetrata al loro interno per via della polpa consumata da un insetto o da una malattia.



Potrebbero interessarti anche...