fbpx

3 Terremoti stasera in Italia, scosse avvertite dalla popolazione

Terremoto stasera avvertito chiaramente

Questa sera ci sono stati 3 terremoti avvertiti quasi in contemporanea a Pozzuoli, Vibo e Accumoli. Fortunatamente le scosse non sono state forti.

La preoccupazione ha però spinto molte persone fuori dalle loro abitazioni.

TERREMOTO A POZZUOLI

Una scossa di terremoto è stata avvertita distintamente poco fa a Pozzuoli, soprattutto tra la zona della Solfatara e di via Campana, e in alcuni quartieri della città di Napoli. La scossa, avvertita anche ai piani alti di abitazioni della zona di Arco Felice e Rione Toiano, è stata preceduta da un forte boato. Nella zona flegrea è in corso da alcuni mesi uno sciame sismico collegato alla ripresa del bradisismo. Per ora non si segnalano danni, solo molta paura tra la gente.

Teresa, di Pozzuoli, scrive sui social: “Al mio paese sono tutti per strada a causa di una scossa di #terremoto. È mancata anche la luce”

TERREMOTO A VIBO

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.7 si è verificata alle 19:19 di mercoledì 2 dicembre a 3 chilometri da Dinami, centro dell’entroterra Vibonese, a cavallo con la provincia di Reggio Calabria.

Secondo l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, il sisma è stato localizzato a 12 km di profondità. L’evento, registrato a 19 km da Vibo Valentia, è stato avvertito nelle aree dell’epicentro e in alcuni centri limitrofi delle province di Vibo e Reggio. Non si segnalano danni.

TERREMOTO AD ACCUMULI

Un terremoto è stato avvertito oggi alle 19.02.47 in provincia ad Accumoli in provincia di Rieti. L’istituto nazionale di vulcanologia ha rilevato una magnitudo di 3.0 a una profondità di 11 chilometri. La scossa è stata avvertita chiaramente dalla popolazione in molti paesi della provincia e fino ad Ascoli: i più vicino all’epicentro sono Arquata del TrontoAmatrice e Acquasanta Terme.

 

Cosa fare in caso di terremoto?

La Protezione Civile fornisce una serie di consigli da seguire prima, durante e dopo un terremoto.

  • Se sei in luogo chiuso cerca riparo nel vano di una porta inserita in un muro portante (quelli più spessi) o sotto una trave.
    Ti può proteggere da eventuali crolli
  • Riparati sotto un tavolo.
    È pericoloso stare vicino ai mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero caderti addosso
  • Non precipitarti verso le scale e non usare l’ascensore.
    Talvolta le scale sono la parte più debole dell’edificio e l’ascensore può bloccarsi e impedirti di uscire
  • Se sei in auto, non sostare in prossimità di ponti, di terreni franosi o di spiagge.
    Potrebbero lesionarsi o crollare o essere investiti da onde di tsunami
  • Se sei all’aperto, allontanati da costruzioni e linee elettriche.
    Potrebbero crollare
  • Rimani lontano da impianti industriali e linee elettriche.
    È possibile che si verifichino incidenti
  • Sta lontano dai bordi dei laghi e dalle spiagge marine.
    Si possono verificare onde di tsunami
  • Evita di andare in giro a curiosare e raggiungi le aree di attesa individuate dal piano di emergenza comunale.
    Bisogna evitare di avvicinarsi ai pericoli
  • Evita di usare il telefono e l’automobile.
    È necessario lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi

CHE COSA FARE DOPO LE SCOSSE
Un semplice consiglio che aiuta i soccorsi: togli la password al Wi-Fi, in modo da facilitarne l’uso per aiutare i soccorsi.

terremoto

 

 

Potrebbero interessarti anche...